Short bio

Enzo Rovella vive e lavora a Catania dove è nato nel 1966.

Nel 1997 tiene una personale nella galleria Sergio Tossi di Prato curata da Demetrio Paparoni che lo invita anche a partecipare a Roma alla collettiva “Giro d’Italia: Palermo” all’Attico di Fabio Sargentini.

Nel 2003 partecipa alla 14° Quadriennale di Roma (Anteprima, Napoli, Palazzo Reale).

Nel 2005 espone alla 2° Biennale di Pechino curata da Vincenzo Sanfo del Centro Italiano per le Arti e la Cultura.

Nel 2007 realizza una personale al Monastero dei Benedettini di Catania curata da Beatrice Buscaroli e una alla galleria Bianca Maria Rizzi di Milano presentata da Alberto Zanchetta.

Nel 2010 tiene una personale alla galleria Antonio Battaglia di Milano curata da Lucio Barbera e partecipa ad una importante collettiva Neoicomoduli alla Galleria Regionale di Palazzo Bellomo a Siracusa curata da Carmelo Strano.

Nel 2011 espone in una bipersonale con Michele Ciacciofera alla Fondazione Sambuca di Palermo curata da Paolo Falcone. Nello stesso anno partecipa alla mostra “Sicilia sopra tutti” alla Galleria d’Arte Contemporanea Montevergini di Siracusa curata da Duccio Trombadori e alla 54° Biennale di Venezia (padiglione Sicilia) invitato da Vittorio Sgarbi.

Nel dicembre 2012 espone a Pechino e viene premiato con la 2° Cup International of Art Water Cube. Una sua opera cm 200×200 viene acquisita dalla città di Pechino per il museo del Water Cube.

Per la manifestazione “Il Rito della luce 2014”, organizzata dalla Fondazione Fiumara d’Arte di Antonio Presti, realizza una grande pittura murale donata alla città di Catania.

Tra il 2014 e il 2015 partecipa ad “Artisti di Sicilia” a cura di Vittorio Sgarbi allestita alla Tonnara di Favignana, Museo ex stabilimento Florio, a Palazzo S. Elia a Palermo e al Museo Civico Castello Ursino di Catania.

Nel 2017 viene allestita a Palazzo Nicolaci di Noto la sua prima antologica a cura di Francesco Gallo. Una mostra con opere che testimoniano tutto il percorso artistico dell’autore dagli inizi della sua carriera.

Nel 2020 partecipa alla mostra “Novecento, da Pirandello a Guccione” a cura di Vittorio Sgarbi, Noto, Convitto delle Arti.

Sue opere sono state acquisite da Fondazioni private e da Istituzioni pubbliche. Ultima acquisizione quella del Comune di Alcamo per il Museo del Vino (Castello dei Conti di Modica). Sono più di settanta le mostre (tra personali e collettive) a cui ha partecipato.